Istituto Comprensivo N.3 Renazzo

Energia Per Crescere

CA' DEL BUCO, 8 NOVEMBRE 2019

2DIARIO DI BORDO
 
Le classi 3,4 e 5 della scuola primaria di Bevilacqua, stamattina hanno raggiunto i colli bolognesi, precisamente Monte San Pietro, per incontrare Paola ed Eugenia alla fattoria didattica Ca' del Buco.
Pioggia e pallido sole si sono alternati durante la giornata, mentre dal viso dei ragazzi non è mai svanito il sorriso di chi si diverte, alla riscoperta della tradizione e delle cose semplici fatte con passione.
Eugenia e Paola ci hanno accompagnato a spasso per la loro fattoria, facendoci incontrare e coccolare i loro dolcissimi animali: cavalli, capre, oche, pecore...
Il percorso ha lasciato un bello strato di fango sulle nostre scarpe, dandoci modo di riflettere su come le impronte che restano nel terreno, creano orme da osservare e studiare, magari risalendo a chi le ha lasciate e cercando di capire le sue abitudini di vita.
Tutte queste scoperte ci hanno messo un po’ di appetito; Paola ci mette a disposizione una sala accogliente con comodi cuscini su cui possiamo consumare il nostro pranzo e sentirci come a casa: indossiamo comode ciabattine calde, l’atmosfera è allegra e conviviale mentre il fuoco scoppietta nella stufa.
Il pomeriggio ci riserva nuove esperienze: la storia dell'argilla, recitata e giocata insieme a Paola che si dimostra coinvolgente e motivante; ci invita a stabilire un contatto “cieco” con l’argilla che dovremo lavorare e i ragazzi si mettono subito in gioco, utilizzando i restanti 4 sensi per cominciare a modellare il materiale che si trovano davanti agli... alle mani! Gradualmente le bende vengono sollevate, rispettando i tempi di ognuno finalmente anche gli occhi possono vedere; c’è euforia nel realizzare il proprio manufatto originale, frutto della personale fantasia e sensibilità, arricchito dai colori di semi, pigne, foglie e piume, raccolte all'interno della fattoria.
L’ultima esperienza della giornata è l’incontro con la lana: lana che Paola ha “tosato” personalmente a mano, dalle sue pecore che chiama per nome.
E’ una lana grezza, presa da un cestone di vimini, che trasmette tutto il suo calore e il sentimento di gratitudine che si prova verso gli animali che ce ne fanno dono.
“Cardiamo” ognuno un batuffolo di lana con il quale pian piano, andiamo a riempire un piccolo sacchettino “profuma cassetti”, alternando lana e semi di lavanda.
E’ un’attività lenta che ricorda gli inverni nelle case di campagna, quando, riuniti nella stanza più calda della casa, ci si dedicava ai lavori di filatura, tra lo scoppiettio del focolare e il vociare delle “comari”.
E’ tempo di rientrare, mentre il sole è spuntato ad illuminare una collina raggiante dei colori dell’autunno e brillante delle goccioline di pioggia che imperlano le foglie degli alberi.
Tutte le braccia sono alzate a salutare Eugenia e Paola che oltre all'esperienza didattica ci hanno trasmesso il loro affetto per la natura e il desiderio di contagiare con questo sentimento, ogni essere vivente che incontreremo!
Grazie ad Eugenia e Paola, grazie al loro amore per la natura, continuate così!

Area privata

Registrazione consentita solo al personale DOCENTE e ATA.

user-home go-top-4
Il sito www.ic3renazzo.gov.it utilizza i cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.